Chi Siamo

Sostratos e' un Trust di Scopo fondato da un gruppo di liberi imprenditori.
Non è un’impresa “profit”, ma si prefigge, oltre alla promozione della cultura, di creare lavoro e ricchezza attraverso lo sviluppo dei propri progetti di ricerca.

Ideali

Tra i nostri compiti istituzionali svolge l’opera di finanziamento di progetti culturali, di ricerca scientifica, di restauro, valorizzazione beni culturali e musealizzazione di monumenti e reperti.

Mission

Non si finanzia solo con semplici donazioni, ma attraverso dei concetti tipicamente imprenditoriali: sviluppa la ricerca su progetti applicati, dando impulso ad attività economiche collaterali i cui proventi servono a coprire tutti i costi connessi alle operazioni.

Trust

Collabora con le Pubbliche Autorità attraverso accordi di collaborazione in affiancamento tecnico-scientifico assumendo totalmente o in parte il finanziamento della ricerca e della valorizzazione dei risultati.

The Team

I fondatori di Sostratos

Enrico Benini

(Trustee)

Commercialista fiorentino, appassionato di musica jazz e storia antica

Paola Del Grosso

(Fondatore)

Ingegnere civile, imprenditrice. Appassionata di storia dell’arte.

Pietro Del Grosso

(Fondatore)

Ingegnere meccanico, imprenditore. Studioso di storia antica ed esperto di numismatica siciliota e ceramica greca.

Elena Totti

(Fondatore)

Perito commerciale, imprenditrice. Grande passione per il mondo villanoviano e l’età del bronzo

Lorenzo Benini

(Fondatore)

Fiorentino, laureato in Economia, imprenditore. Cultore dell’ etruscologia

2014

Restauri: 3.000 €
Mostre e pubblicazioni: 2.500 €
Scavi: 27.620 €

2015

Restauri: 1.575 €
Mostre e pubblicazioni: 14.000 €
Scavi: 26.371 €

2016

Restauri: 5.928 €
Mostre e pubblicazioni: 3.000 €
Scavi: 32.589 €

Progetti Svolti

Durante la campagna di scavo 2013 presso il Tumulo della Regina di Tarquinia in collaborazione con l’Università di Torino, interamente finanziata dai supporters del Trust Sostratos, è stata scoperta una Tomba Etrusca dell’inizio del VI° secolo a.C. completamente intatta ed inviolata, battezzata “TOMBA DELL’ARYBALLOS SOSPESO” per il piccolo vaso ancora appeso alla parete da un chiodo di bronzo. Era dal 1981 che non si registrava un evento di così eccezionale proporzione scientifica e culturale.

Tarquinia 2011

Necropoli Monumentale della Doganaccia, Tumulo della Regina

Tarquinia 2012

Necropoli Monumentale della Doganaccia, Tumulo della Regina, in collaborazione con l’Università di Torino

Montalto di Castro 2012 – Laboratorio Macstrana

Restauro del carro (carpentum) proveniente dal Tumulo della Regina, Necropoli della Doganaccia di Tarquinia

Nemi 2012 – Museo delle Navi di Nemi

Fornitura gratuita di 100 sedie per la sala conferenza del Museo in occasione del bimillenario della nascita dell’Imperatore Caligola

Tarquinia 2013

Necropoli Monumentale della Doganaccia, Tumulo della Regina, in collaborazione con l’Università di Torino

Baratti Populonia 2014

Scavo Fontino di San Cerbone, Fossa delle Armi. In collaborazione con la Soprintendenza Archeologia di Firenze

Firenze 2014 – Museo Archeologico Nazionale

Mostra su “Falisci, il Popolo delle Colline” e pubblicazione del catalogo relativo

Viterbo 2014

Recupero del corredo rinvenuto nella Necropoli Etrusca di Sferracavallo di Norchia, Tomba a Casetta di Vel‐figlio di Larth e sua esposizione al Museo Archeologico Nazionale di Viterbo, Rocca Albornoz e pubblicazione di monografia relativa

Orvieto 2015

Scavo in concessione del Comune di Orvieto presso la Necropoli Etrusca del Crocefisso del Tufo – finanziamento scavi

Norchia 2015

Scavo per il recupero delle tombe etrusche nell’area della Tomba a Casetta – rinvenimento della Tomba GDS02

Orvieto 2016

catalogazione reperti in giacenza al Crocefisso del Tufo

Norchia 2016

Scavo in Concessione Ass. Archeotuscia dell’area della Tomba a Casetta presso la Necropoli Etrusca di Sferracavallo di Norchia

Orvieto 2016

Scavo in concessione del Comune di Orvieto presso la Necropoli Etrusca del Crocefisso del Tufo – finanziamento scavi

Orvieto 2016

Mostra provvisoria “Gli Etruschi d’Oro” presso il la sala consiliare del Comune di Orvieto

Orvieto 2016

Esposizione dei reperti restaurati della Tomba 200 del Crocefisso del Tufo presso il Museo Archeologico Nazionale di Orvieto.

Progetti In Corso

Progetti in corso d'opera.

Orvieto 2017

Ultimo anno della Concessione di Scavo con il Comune di Orvieto

Norchia 2017

Secondo anno della Concessione di Scavo in Collaborazione con Archeotuscia

Baratti-Populonia 2017

Dopo l’esperienza del 2014 il Trus interviene nuovamente nell’area del Fontino di San Cerbone

Vercelli 2017

Su segnalazione della Dottoressa Manuela Meloni, il Trust Sostratos interviene in cofinanziamento

8

Campagne di scavo finanziate

4

Mostre ed esibizioni permanenti

26

Interventi a conferenze divulgative

116

Reperti archeologici recuperati e restaurati

Dicono di noi

Ecco cosa dicono di noi nel mondo, online, quotidiani e riviste.

IL TIRRENO, Piombino Elba: Si scava per salvare gli antichi reperti

20 Luglio, 2014 in IL TIRRENO, Piombino Elba

PIOMBINO. Ruspe al Fontino di Baratti: è l’avvio dello scavo archeologico “Fossa delle armi” ... Vai all'articolo...

Huffington Post, Lorenzo Benini: "Mi sento un etrusco"

20 Luglio, 2014 in Huffington Post

È talmente fissato con l'archeologia, che spesso i soldi per gli scavi li mette di tasca sua e per fare delle ricognizioni rinuncia alle ferie. ... Vai all'articolo...

Tuscia Web, "Scavi tutto merito di Lorenzo benini"

20 Luglio, 2014 in Tuscia Web

Grazie al loro sostegno, in questi anni l’equipe del professor Alessandro Mandolesi ha avuto la possibilità di riportare alla luce eccezionali ... Vai all'articolo...

Corriere della Sera, Tarquinia, scoperta tomba inviolata

20 Luglio, 2014 in Corriere della Sera

All'interno lo scheletro del principe etrusco morto 2.700 anni fa e, nascosti in vasi votivi, gioielli e sigilli.Risale all'epoca di Tarquinio Prisco. ... Vai all'articolo...

La Repubblica, Tarquinia, dopo 2700 anni aperta la camera scoperta nel Tumulo della Regina

20 Luglio, 2014 in La Repubblica, Roma

Una camera di piccole dimensioni, 4 x 2,5, metri intatta, corredata con intonaci dipinti ... Vai all'articolo...

Il Fatto Storico, Aperta dopo 2700 anni la camera nel Tumulo della Regina

20 Luglio, 2014 in Il Fatto Storico

La necropoli etrusca di Tarquinia dispensa ancora sorprese. Dopo 2700 anni, gli archeologi hanno rimosso la lastra di pietra che chiudeva l’accesso a una camera secondaria all’interno del Tumulo della Regina. ... Vai all'articolo...

Corriere della Sera, Blog, L’imprenditore che scopre i tesori etruschi

20 Luglio, 2014 in Corriere della Sera

Questa è la storia di un imprenditore, di una scoperta archeologica eccezionale e di un miracolo laico. L’imprenditore si chiama Lorenzo Benini, 52 anni, da Firenze ... Vai all'articolo...

Viterbo News 24, Imprenditore fiorentino finanzia scavi a Tarquinia

25 Settembre, 2013 in Viterbo News 24

VITERBO – Lorenzo Benini, 52 anni, fiorentino doc. Una vita divisa tra il mondo imprenditoriale e quello più romantico dell’archeologia. Una passione, la sua, che ... Vai all'articolo...

Huffington Post US, Etruscan Prince’s Tomb Found Intact In Italy After 2,600 Years

24 Settembre, 2013 in Huffington Post US

Archaeologists in Italy made an exciting find on Sept. 21 when they uncovered a 2,600-year-old burial site stocked with Etruscan treasures. ... Vai all'articolo...

Discovery, News, Skeleton of Ancient Prince Reveals Etruscan Life

20 Settembre, 2013 in Discovery, News

The skeletonized body of an Etruscan prince, possibly a relative to Tarquinius Priscus, the legendary fifth king of Rome from 616 to 579 B.C., has been ... Vai all'articolo...

Ansa, News, Aperta tomba etrusca intatta da 2.600 anni

22 Settembre, 2013 in Ansa, News

E' rimasta chiusa per 2.600 anni. Ma quando gli archeologi dell'Università di Torino e della Soprintendenza per i Beni archeologici dell'Etruria meridionale ... Vai all'articolo...

Contattaci

I nostri scavi sono aperti al pubblico compatibilmente con le condizioni di sicurezza; siamo perfettamente convinti che la cultura debba essere divulgata dando la possibilità al pubblico, agli appassionati come agli addetti ai lavori di essere parte attiva della ricerca stessa. Se vuoi partecipare o semplicemente visitare i nostri scavi non esitare a contattarci: con noi potrete vivere l’archeologia da protagonisti e non da semplici spettatori.

Se lo desideri puoi darci una mano con una donazione che, per piccola che sia, sarà sempre e comunque destinata al finanziamento della ricerca: in cambio ti invieremo le nostre magliette celebrative IO SONO ETRUSCO. Non esitare a contattarci.